La Smorfia Napoletana - Numeri, significato e interpretazione di sogni

La storia e le origini della cabala più famosa al mondo:
La Smorfia Napoletana: significato interpretazione sogni


Il termine “smorfia” viene legato al nome di Morfeo, il dio del sonno nell'antica Grecia e sembra avere origini molto antiche e misteriose. Infatti la leggenda narra che le sue origini risiedano all’interno della tradizione cabalistica ebraica (Qàbbalah), in quanto secondo i cabalisti nella Sacra Bibbia vi sono parole, lettere e segni che hanno significati misteriosi e che in esso si utilizza la numerologia per associare ad ogni nome un numero.

Altre teorie più moderne attribuiscono l’origine della smorfia al bisogno di associare il significato di un sogno alla quotidianità relazionandolo attraverso simboli e numeri, portando spesso e volentieri consigli utili nella vita reale tutti i giorni.

La smorfia, chiamata anche Cabala, è tradizionalmente legata alla città di Napoli ed i ai suoi vicoli, che ha una lunga tradizione di affetto nei confronti del gioco del lotto.

La smorfia napoletana è il libro dei sogni più usato, che nella tradizione partenopeaconsiste in una serie di 90 numeri che corrispondono a vocaboli, oggetti, e nomi, che attraverso una codifica abbastanza precisa prevede un numero diverso a seconda del contesto.

Anticamente la smorfia veniva tramandata oralmente e successivamente venne trascritta su carta, utilizzando le figure per gli analfabeti, affiancate ai numeri, ma nella smorfia napoletana più moderna hanno trovato spazio personaggi del panorama moderno o del recente passato legatissimi a Napoli ed è stata fonte di ispirazione per il cinema, protagonista di dialoghi e sketch ideati e proposti da attori napoletani.

Passione e filosofia di vita, la smorfia napoletana è la madre delle cabale italiane, nulla di scientifico ma sicuramente una tradizione folcloristica nata dalla gente per la gente, un modo di sperare nel nostro inconscio, nelle sue rappresentazioni attraverso i sogni e i numeri del gioco del lotto.